Comunicato Stampa – TARI Inutili Allarmismi

Icona_ASM

ASM_logo_expo_152

TARI INUTILI ALLARMISMI

COMUNICATO STAMPA

Per non fomentare gli inutili allarmismi che sono emersi nella stampa locale in questi giorni e per evitare che si monti una polemica, generata da un presupposto errato di partenza, l’ASM Terni S.p.A. tiene a sottolineare in pochi e sintetici punti la situazione attuale riguardo alla Tari

1) Nessun intervento è stato né previsto né minimamente ipotizzato sul nostro “data base”, a modifica della situazione in atto. Quindi nessuna “stangata” è ipotizzabile per effetto di revisioni delle superfici da assoggettare al tributo. Le tariffe e le norme regolamentari sono e restano quelle stabilite dal Consiglio Comunale di Terni in relazione alle superfici “dichiarate” tempo per tempo dagli utenti.
2) Il regolamento applicativo della Tari da parte del Comune di Terni e molti altri regolamenti comunali, evidenziano chiaramente che la “tariffa è di regola unica per tutte le superfici facenti parte del medesimo compendio”. Dunque, l’eventuale attribuzione di ulteriori categorie tariffarie, non in maniera sistematica, avviene solo nel caso l’utente dimostri di svolgere più attività commerciali, professionali, artigianali etc. su superfici “con autonoma e distinta utilizzazione purché singolarmente di estensione non inferiore a 5 mq.
3) La ragione istitutiva della tassa è quella di porre le amministrazioni locali nelle condizioni di soddisfare interessi generali della collettività. Questa importante precisazione è contenuta in una recentissima sentenza della Corte di Cassazione dove viene ribadito che “il presupposto impositivo del tributo si identifica con l’istituzione del servizio, non con la materiale fruizione […] tanto che si basa su indici presuntivi.”
4) Su questi termini, anche il Garante regionale del contribuente conferma la giusta impostazione mantenuta da ASM Terni S.p.A. nella gestione della Tari che, nella decisione del 9 luglio scorso, definisce del tutto corretta ed in linea con la normativa vigente l’applicazione del tributo da parte di ASM Terni S.p.A.
Inoltre, sempre il Garante regionale del contribuente ha ribadito che quanto tempo per tempo addebitato da ASM Terni S.p.A., come di fatto avviene regolarmente, deve discendere unicamente dalla “dichiarazione originaria” dell’utente o dalla “dichiarazione di variazione”, dallo stesso eventualmente presentata nei termini previsti dal Regolamento. Infine, il Garante dichiara “di non avere ulteriori iniziative da adottare in relazione ai casi segnalati per i puntuali chiarimenti forniti, auspicando che, con la trasparenza e la motivata spiegazione, venga conseguito il risultato della buona amministrazione”.

È invece evidentemente nostro preciso compito vigilare che la distribuzione tra le categorie di utenti venga operata con criteri legittimi e, soprattutto, equi. Tenendo presente che, come noto, diminuire il carico tributario per alcune categorie di utenze, comporterebbe l’aumento corrispondente per altre categorie di utenze, nell’invarianza del gettito complessivo.
ASM Terni S.p.A. è, come riteniamo conosciuto da tutti, ogni giorno a disposizione degli utenti per qualsiasi chiarimento e per una corretta applicazione del tributo, ovviamente a titolo del tutto gratuito.

ASM Terni S.p.A.
Ufficio Comunicazione