Illuminazione Pubblica – Impianto “smart” a Ponte le Cave

ico-elettr

pontelecave

Impianti di illuminazione pubblica “smart”, ASM Terni S.p.A. al lavoro a Ponte le Cave
Continua il percorso legato all’efficienza energetica ed al risparmio di energia elettrica che l’ASM Terni S.p.A. con i suoi progetti, in collaborazione con il Comune, realizza per gli impianti di illuminazione pubblica cittadina.
Nel corso dei mesi scorsi, numerosi sono stati gli impianti modificati e “accesi” dall’Azienda utilizzando la più innovativa evoluzione tecnologica in fatto di luci stradali, grazie anche alle nuove lampade al sodio alta pressione e ai led.
Dal Parco Ciaurro, a tutta via Battisti, l’intero Corso del Popolo, viale Brin, solo per citarne alcuni, circa duecento nuovi punti luce messi a dimora, con corpi illuminanti che riducono drasticamente del 50% il consumo di energia  elettrica a risparmio della collettività.
Ed ora con i lavori già avviati, entro luglio sarà completato il nuovo impianto di illuminazione pubblica dell’importante svincolo autostradale Terni Nord-Ovest.  Un progetto redatto da Asm Terni S.p.A., cofinanziato dall’ANAS e dal Comune di Terni.
“La particolarità del progetto – spiegano i tecnici dell’Asm – sta nel posizionamento dei gruppi illuminati posti sulla testa delle nuove 5 torri faro, che a differenza di come si faceva in passato dove i punti luce venivano montati a raggiera, creando un fascio luminoso circolare (infatti le torri faro venivano spesso posizionate al centro delle aiuole) in questo progetto i fari di illuminazione sono montati in modo tale che andranno ad emettere il fascio luminoso in maniera più puntuale, direttamente sulla strada. Questo per evitare una dispersione della luce notturna che spesso illuminava anche le aiuole degli svincoli, lasciando in carenza di luce la carreggiata”.
Sulle cinque torri faro sono previste 15 lampade da 250w e 19 lampade da 400 al sodio alta pressione. Queste lampade di nuova generazione hanno una vita media molto lunga, circa 8 anni considerando 4200ore di accensione all’anno,  ed hanno un flusso luminoso doppio rispetto alle lampade al sodio di qualche anno fa. Questo consente un grande risparmio nei consumi (al posto delle tradizionali  torri faro con sei lampade da 1000w che si utilizzavano in passato e che avevano un consumo giornaliero di circa 33 Chilovattora, il nuovo impianto consumerà appena 13 Chilovattora al giorno) migliorando altresì la qualità visiva mantenendo sempre ottimamente illuminata la viabilità ordinaria e le rampe di accesso ed uscita degli svincoli.
Il progetto prevede anche il miglioramento del sottopasso di ponte le cave con due nuovi gruppi illuminanti da 70w.