Insieme per un viaggio chiamato ambiente

Icona_ASM

logo_ASM_Cosp_

www.unviaggiochiamatoambiente.it

La salvaguardia dell’ambiente porta con sé sviluppo per il territorio. In estrema sintesi, potrebbe essere questa la lettura più rapida e realistica della Campagna per la Raccolta Differenziata dei Rifiuti nell’Ambito Integrato 4 Umbria che è stata presentata venerdì 20 febbraio 2015, al Centro Multimediale di Terni.
Un’operazione che coinvolge quasi per intero la provincia di Terni (solo un Comune del territorio non vi partecipa perché facente parte di un altro ambito) e che vedrà impegnate due importanti realtà industriali di questo settore: l’ASM Terni S.p.A. e Cosp Tecno Service.
“È un impegno ed un appuntamento fondamentale ed improrogabile per l’intera comunità della nostra provincia – spiega Leopoldo Di Girolamo, in qualità di Presidente dell’ATI4 – Si tratta di un investimento del territorio per il territorio ed è la soluzione ottimale per incrementare lo sviluppo della provincia ternana tutelandone l’ambiente”.
Due le parole che risaltano concretamente in questa operazione che ha come obiettivo l’aumento della percentuale di Raccolta Differenziata dei Rifiuti: investimento e sviluppo. Per spiegarla con i numeri, si dica che si tratta di un’attività che, come minimo, si prolungherà per i prossimi 15 anni, così come espresso nel contratto. Un contratto che prevede la diffusione della Raccolta nei 32 Comuni che hanno aderito e che coinvolge oltre 230.000 abitanti della bassa Umbria. Sempre facendo riferimento ai numeri, si tratta di un percorso che prevede, nel breve, un investimento economico, da parte delle due aziende operanti, superiore ai 30 milioni nei primi due anni con un impiego di circa 400 addetti.
“Il forte radicamento delle due Aziende nel territorio – afferma il Presidente di ASM Terni  S.p.A., Carlo Ottone – e l’affidabilità nell’erogazione dei servizi ha consentito una crescita dimensionale e l’avvio di nuovi processi aggregativi. L’obiettivo principale è quello di raggiungere, nel più breve tempo possibile, gli standard previsti dalla Comunità Europea per la raccolta differenziata”. Progresso e Ambiente, dunque. Due settori che si intrecciano e che hanno come denominatore comune la tutela e la crescita qualitativa del territorio. A conferma di ciò, anche le dichiarazioni del Presidente di Cosp Tecno Service, Danilo Valenti: “Il rifiuto è una risorsa – sostiene – ed i benefici di una raccolta efficace ricadranno positivamente anche nella sostenibilità economica della nostra comunità. Il concreto investimento sul territorio è la dimostrazione della responsabilità che abbiamo condiviso”.
In aggiunta, si dica che il servizio di raccolta differenziata, gestito da ASM Terni S.p.A. e Cosp Tecno Service, rappresenta un elemento parziale rispetto alla dinamica complessiva prevista dal sistema tariffario applicato nell’ATI4.
“Con la riorganizzazione dei servizi di raccolta nei comuni dell’ATI4, finalmente, la media regionale della RD si avvicinerà all’obiettivo del 65 per cento – conclude poi l’assessore regionale all’Ambiente, Silvano Rometti – Si punta a conseguire un importante obiettivo previsto dal Piano regionale ma soprattutto si pongono le basi delle operazioni di recupero e riciclo di rilevanti frazioni di rifiuti urbani, in particolare della frazione organica, e quindi della riduzione dello smaltimento in discarica”.

 Manifesto_footer