Sventolano forte le bandiere della Comunità Europea per ASM Terni S.p.A.

Icona_ASM

bandiere-europa

Sventolano forte le bandiere della Comunità Europea per ASM Terni S.p.A.

ASM Terni S.p.A. consolida e incrementa il proprio ruolo di partner importante nell’ambito di progetti con la partecipazione della Comunità Europea. Dopo i primi due FINESCE e GEYSER, nei quali ASM Terni S.p.A. è già coinvolta insieme ad altri 37 partner europei dal 2013 per la sperimentazione delle nuove tecnologie informatiche applicate alla Smart Grid, ovvero la rete elettrica intelligente, si sono aggiunti altri tre progetti finanziati con fondi comunitari: SESMAG, NOBEL GRID ed ELSA.
Il primo coinvolge quattro società partecipanti e tratta di un argomento molto attuale ed importante, quale la protezione della rete elettrica da attacchi terroristici condotti sulla rete informatica di controllo della rete. Gli altri due progetti sono inseriti nel programma di finanziamento e sviluppo promosso dalla Commissione Europea denominato Horizon 2020.
Il progetto NOBEL GRID è iniziato operativamente il 13 Gennaio di quest’anno con il “kick-off meeting” tenutosi in Spagna a Valencia ospiti del Gruppo Etra.
“ASM Terni S.p.A vi partecipa per sviluppare, implementare e valutare le nuove tecnologie applicate alla gestione della rete elettrica. Gli obiettivi del progetto sono indirizzati a ottenere benefici economici per gli utenti e una maggiore sostenibilità  per l’ambiente”.
Il consorzio NOBEL GRID si compone di venti partner e coinvolge 12 paesi europei tra cui: Danimarca, Germania, Olanda, Belgio, Spagna, Portogallo, Austria, Svezia, Grecia, Romania, Regno Unito e Italia. Anche per questo progetto, Terni sarà uno dei principali siti ove sperimentare le soluzioni che saranno individuate nel corso del progetto.
Per quanto riguarda l’altro progetto di Horizon 2020, chiamato ELSA, questo si compone di nove partner appartenenti a cinque paesi europei Francia, Germania, Irlanda, Regno Unito e Italia. Quest’ultimo svilupperà sinergie tra primarie società anche nel settore automobilistico, delle batterie di accumulo e dei più avanzati sistemi di gestione informatici, sempre per l’ottenimento di benefici tecnico-economici nelle reti di distribuzione elettrica.
ASM Terni S.p.A. diventa un vero e proprio laboratorio dell’innovazione a Terni. A seguito, infatti, del cambio di statuto da parte del Consiglio comunale e la conseguente presa d’atto dell’Assemblea dei Soci e del Consiglio d’Amministrazione, l’azienda si potrà occupare da subito di Ricerca applicata e Gestione dei fondi comunitari, chiudendo di fatto la filiera produttiva che ha come obiettivo lo sviluppo della Smart City e del ciclo energetico della città. Riassumendo per punti, l’ASM Terni S.p.A. completa il percorso del progetto: dallo studio alla formazione, dalla produzione all’applicazione funzionale del processo.
“Da qui si potrebbe partire – aggiunge poi il presidente dell’ASM Terni S.p.A., Carlo Ottone – per individuare un percorso comune con l’intera Regione e con le forze, anche imprenditoriali, che vi insistono. È necessario governare questa fase di cambiamento per garantire alle nostre comunità servizi innovativi per un miglioramento della qualità della vita”
I progetti europei finanziati quindi, consentiranno di sviluppare una moderna rete elettrica e fare di Terni, un esempio europeo per la rete intelligente.
Il lavoro di ASM S.p.A., dei propri tecnici a contatto con decine di partner europei porterà nuove competenze, nuove metodologie di lavoro e una nuova cultura che potranno essere messe al servizio della città per il suo sviluppo futuro.

Il Presidente dell’ASM Terni
Dott. Carlo Ottone

italia_wired